10 cose da sapere per una relazione duratura e felice

Share

“The most painful thing is losing yourself in the process of loving someone too much, and forgetting that you are special too.”
La cosa più dolorosa è perdere te stesso, amando troppo qualcuno e dimenticando che anche tu sei speciale.
Ernest Hemingway
 

Relazione duratura e felice? Ecco come…

Quando avevo poco più di vent’anni, avevo una relazione con un uomo che mi abusò emotivamente e psicologicamente per molti mesi.
Venne fuori che ero la sua prima relazione seria e questo lo aveva fatto sentire spesso sopraffatto e insicuro. Non si sentiva “abbastanza buono” per me o meritevole del mio amore. Ironia della sorte entrambi avevamo sofferto di una bassa autostima, ma lo avevamo dimostrato in modi completamente diversi.

Durante il tempo passato con lui mi sentivo spesso insicura, stupida, poco attraente e assolutamente non amabile. Quella relazione disfunzionale mi ha privato di gran parte della mia autostima e ha danneggiato la mia fede nella natura umana.

Ma con il senno di poi il mio ex mi ha fatto un grande favore. La mia esperienza con lui mi ha fatto, per la prima volta nella mia vita, riflettere seriamente su ciò che volevo da una futura relazione e partner, nonché su come rafforzare la mia autostima e fiducia.

Ho letto quanti più libri potevo su fiducia in se stessi, amore per se stessi, connessioni sane e limiti (al tempo non esisteva Internet). Ho imparato a meditare e ad avere fiducia nella mia intuizione, così ho smesso di essere una di quelle persone che mette sempre gli altri al primo posto.

Come risultato di ciò che ho imparato, ho creato per me stessa le seguenti dieci regole relazionali. Credo siano essenziali per una forte autostima e per le relazioni d’amore a lungo termine.
 

1. Nessuna relazione può prosperare solo sull’amore

Nessuna quantità di amore per il mio ex ragazzo potrebbe alterare il fatto che mi ha trattato male e il suo comportamento nei miei confronti è stato distruttivo. L’amore in se stesso non era abbastanza per salvare la nostra relazione.
Affinché una relazione possa sopravvivere e prosperare, ha bisogno di fiducia, rispetto, attenzione, gentilezza, pazienza, empatia, impegno, comunicazione, comprensione, reciproco gradimento, lealtà, compromesso e sicurezza. E hai bisogno di un partner che sia anche disposto a lavorare su queste cose per coltivare la relazione.

Tutte le relazioni richiedono lavoro e sforzo; non ci sono eccezioni. L’amore è una parte essenziale, ma non conquista tutto. Puoi amare il tuo partner con tutto il cuore e comunque finire in una relazione che è dannosa e disfunzionale.

L’amore da solo non può trasformare una cattiva relazione in una buona relazione e non puoi cambiare una persona violenta in un partner amorevole e rispettoso se non vuole cambiare.
 

2. L’amor proprio non è mai egoista

Molti di noi sono stati condizionati a pensare che l’amor proprio sia egoista o presuntuoso, ma in realtà non c’è nulla di più lontano dalla verità.

La relazione più potente che tu abbia mai avuto è la relazione con te stessa. Altre persone possono andare e venire, ma tu avrai sempre te stessa, quindi è fondamentale amare la persona che sei.

Ho scoperto che quando sono più amorevole e compassionevole verso me stessa, aumenta la mia capacità di amare gli altri in modo più altruista e premuroso. Non bramo più l’amore o l’accettazione dalle altre persone.

L’unica persona che può darti amore per te sei tu. Non hai bisogno del permesso di nessun altro, solo della volontà di essere più compassionevole e attenta a verso te stessa e verso i tuoi bisogni. Per farlo, devi identificare i tuoi bisogni – spirituali, fisici, mentali ed emotivi – e poi dare la priorità a loro. Anche quando altre persone hanno desideri contrastanti.
 

3. La perfezione non esiste

Film, riviste e social media hanno tutti molte risposte quando si tratta di creare aspettative non realistiche di una relazione, di un partner e di una vita “perfetti”.

Nessuna relazione, anche tra “anime gemelle”, è perfetta, perché la perfezione non esiste.

Pesiamo gravemente sul nostro partner quando ci aspettiamo che ci completi, che legga la nostra mente, che comprenda tutti i nostri sentimenti, che soddisfi tutti i nostri bisogni sociali, che sia sempre romantico e appassionato e ci renda sempre felici. Queste sono pressioni spesso insopportabili.

E noi stesse ci appesantiamo, rendendoci infelici, quando esigiamo la “perfezione” in tutto ciò che facciamo, o in che modo guardiamo o viviamo le nostre vite.
 

4. La gentilezza è sempre importante

Gli atti di gentilezza, non importa quanto piccoli, hanno sempre un impatto. Fanno sempre la differenza.

Un giorno, alla fine del mio rapporto con il mio ex, il mio manager mi ha sorpreso piangendo nel bagno.
Dopo avermi convinto a dirle perché ero così sconvolta, mi ha abbracciato e mi ha mandato a casa per il resto della giornata. Era esattamente ciò di cui avevo bisogno in quel momento.

Non ho mai dimenticato la sua gentilezza e ora cerco consapevolmente di essere il più compassionevole possibile nella mia vita quotidiana.

La gentilezza ci ricorda la nostra umanità condivisa, il nostro innato bisogno di altre persone e il nostro senso di connessione con tutto ciò che ci circonda, specialmente i nostri cari. Le nostre azioni contano.

Quando mostriamo gentilezza agli altri, stiamo anche mostrando gentilezza a noi stessi perché i nostri atti di compassione risuonano dentro di noi. L’energia positiva, il buon karma, comunque tu lo voglia chiamare, è un bene per noi; ci fa sentire meglio con noi stessi.

Quando è possibile, scegli la gentilezza. Sii gentile con i tuoi cari, amici e colleghi anche quando ti stanno facendo impazzire. Mostra gentilezza agli estranei. Sii gentile anche con quelli che ti hanno ferito. Ti beneficerà in più modi di quanto tu possa immaginare.
 

5. L’amore è destinato a essere mostrato

A nessuno piace sentirsi non apprezzati o dati per scontati in una relazione. Lo so fin troppo bene dall’esperienza personale.

Non possiamo semplicemente presumere che i nostri cari sappiano quanto siano importanti per noi, quindi è vitale mostrarli con parole e azioni.

Dì “Ti amo”, lodali e fai loro complimenti. Mostra al tuo partner quanto lo apprezzi. Esprimi la tua ammirazione per lui e anche per le altre persone.

Accogli con genuino interesse i suoi interessi. Festeggia i suoi successi e confortalo quando è arrabbiato. Di ‘”grazie” spesso e “scusa” quando è necessario.

La vita è breve, quindi mostra il tuo amore per gli altri senza imbarazzo e non dimenticare di mostrare amore anche te stessa. (Ricorda, l’amor proprio non è mai egoista).
 

6. Sei diverso ma sempre uguale

Tu e il tuo partner siete due individui unici in una relazione, entrambi diversi ma sempre uguali.

Non importa se uno di voi guadagna più soldi, è più vecchio, più forte, più sano o più istruito; entrambi si meritano lo stesso livello di rispetto e pari opportunità nella squadra. Siete ugualmente degni.

Il compromesso rispettoso è vitale, così come il dare e avere. Una relazione paritaria ci offre un luogo sicuro e amorevole dove crescere.

Tutte le relazioni sono diverse. Non perdere tempo a confrontare la tua relazione con le relazioni di altre persone. La tua relazione non ha bisogno di assomigliare a quella degli altri; ha solo bisogno di funzionare per te.
 

7. La comunicazione è la chiave

Una tattica che il mio ex usava quando cercavo di esprimere una questione che per me era importante era ridere di me, imitarmi o dirmi che stavo errando, ero pazza, stupida o paranoica. Il suo bullismo verbale era un modo non solo per sminuirmi ma anche per negarmi la mia voce, il mio diritto di essere ascoltata.

Una mancanza di comunicazione efficace provoca risentimento, discussioni e incomprensioni, anche tra le coppie più amorevoli. Una relazione sana richiede che entrambi i partner si ascoltino e comunichino in modo rispettoso.

Quando ascoltiamo il nostro partner, dobbiamo concentrare tutta la nostra attenzione su ciò che sta dicendo, e non interromperlo o rispondere in fretta con il nostro punto di vista, le nostre critiche o con rabbia. La rabbia offusca sempre il nostro giudizio e può farci dire cose dannose che poi rimpiangeremo.

Invece, dobbiamo prima fare una pausa per digerire ciò che abbiamo ascoltato, vedere la loro prospettiva, e quindi considerare la nostra risposta.

È importante ricordare che tu e il tuo partner siete una squadra, non dei duellanti.

Certo, puoi controllare solo te stessa, il fatto che ascolti pienamente e ti concentri sulla comprensione non garantisce che il tuo partner farà altrettanto. Ma la maggior parte delle persone è più incline ad aprire la loro mente quando qualcuno gli offre cortesia.
 

8. I confini servono a proteggere il tuo benessere, non a chiudere il tuo cuore

La mia relazione con il mio ex mi ha chiaramente rivelato la mia incapacità di stabilire confini efficaci. Lo lasciai camminare su di me, cosa che peggiorò la mia già fragile autostima.

Come accennato in precedenza, i partner lavorano come una squadra in relazioni sane e i team lavorano meglio quando ci sono dei limiti chiari, quando entrambe le persone comunicano chiaramente con cosa sono a loro agio e dicono di no quando ne hanno bisogno. L’intenzione di stabilire dei limiti non è di chiudere il tuo cuore o limitare il tuo amore, ma di assicurare che ci sia rispetto e una maggiore comprensione.

Devi prima riconoscere e capire i tuoi sentimenti al fine di stabilire i confini e realizzare quando quei confini sono superati. Confini vaghi o non realistici possono allontanarti dal tuo partner, motivo per cui devi essere chiara così che non sorgano incomprensioni.

Cosa ti piace o non ti piace? Quali sono le tue preferenze? Dove dovrebbe essere tracciata la linea e quali azioni potrebbero attraversare quella linea?

Devi pensare a come piacere a te stessa, non solo alle altre persone. Dire di no tanto di sì è un tuo diritto così come lo è esprimere le tue esigenze.

I confini non diminuiscono il tuo amore, ma servono a proteggerti da situazioni che minacciano il tuo amore, i tuoi sentimenti e il tuo benessere. I partner che rispettano i confini dell’altro chiedono prima il permesso, prendono in considerazione i sentimenti degli altri, mostrano gratitudine e rispettano le differenze.
 

9. Il regalo più prezioso è il tempo (e l’attenzione)

Troppo spesso diamo il nostro tempo prezioso a cose, compiti e persone che non arricchiscono le nostre vite. Ogni giorno facciamo gli straordinari a lavoro invece di andare a casa dai nostri cari o passiamo ore sui social media
invece di parlare con il nostro partner.

Quando doniamo tempo ai nostri cari, palesiamo che sono importanti per noi. Quando trascorriamo del tempo lui dimostriamo che lo apprezziamo come partner.

Allo stesso modo, quando diamo tempo a noi stessi, rafforziamo il fatto che anche noi siamo importanti. Sia che ci godiamo un hobby, dormiamo o leggiamo un libro, sono momenti ben investiti. La cura di sé ha sempre bisogno di momenti di solitudine e riflessione. Abbiamo tutti il ​​diritto di trascorrere del tempo da soli.

Quando arriva il momento di guardare il nostro passato, è probabile che rimpiangeremo di aver passato tanto tempo su un lavoro che non ci piaceva, o di aver passato tempo con persone che non gradivano, non si prendevano cura di noi o non apprezzano i nostri sforzi. Invece non rimpiangeremo mai i momenti trascorsi con i nostri cari e amici, facendo cose che ci sono piaciute o momenti trascorsi a prenderci cura di noi stessi.

Scegli saggiamente chi e a cosa dedichi il tuo tempo e la tua attenzione; è davvero il regalo più prezioso che hai.
 

10. Il perdono apre i nostri cuori

Rancore, rimpianti e risentimento verso relazioni passate, avvelenano la vita. Rubano i nostri momenti presenti e ci tengono imprigionati nel passato. Ci vuole più energia per essere arrabbiato e pieno di risentimento che per perdonare, e quell’energia è dannosa e tossica.

Nessuno di noi può cambiare le nostre esperienze passate, ma possiamo cambiare la nostra percezione di esse. Quando scegliamo di vedere le nostre ferite passate, i tradimenti e gli errori come preziosi strumenti di apprendimento, siamo in grado di perdonare gli altri così come noi stessi. Il perdono è incredibilmente potente e ci libera, così possiamo concentrarci sul momento presente.

Perdonare è per il nostro bene. È un atto di forza e una parte essenziale della guarigione perché rilascia il nostro dolore e, soprattutto, rilascia la presa che l’esperienza passata aveva su di noi.

Quando il mio ex si è presentato inaspettatamente diversi mesi dopo esserci separati cercando di riconciliarsi con me, ovviamente ho rifiutato, ma l’ho anche perdonato e gli ho augurato ogni bene.

La nostra conversazione quel giorno è stata una parte importante della chiusura di quel capitolo della mia vita così da poter andare avanti, e spero che sia stato lo stesso anche per lui.

Ero determinata a non lasciare che la mia relazione con il mio ex gettasse un’ombra sul resto della mia vita, al contrario volevo imparare da essa in modo da non ripetere gli stessi schemi in futuro. E ci sono riuscita.

Oggi ho una forte autostima e so come impostare i sani confini nelle mie relazioni. Sono felicemente sposata da molti anni con un uomo meraviglioso che crede in queste dieci regole tanto quanto me. E questo ha fatto la differenza.

 

Fonte: Articolo originale di KJ Hutchings per Tiny Buddha.
Traduzione in lingua italiana a cura di © Valerio Bellone

Commenta con il tuo account Facebook

Related Posts
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.



Energie in Equilibrio sui social

© 2020 Energie in Equilibrio

Accetta i Cookie    OK No grazie

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Energie in Equilibrio maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi